Miele e picco glicemico

Questa è la sezione dedicata al Miele in tutte le sue forme e al meraviglioso mondo delle api, risponde ai vostri quesiti DARIO POZZOLO, uno tra i più grandi esperti di Miele del mondo. Approfittatene!

Avatar utente
maripisanugreenwood
Chef di Partita
Messaggi: 350
Iscritto il: 29/09/2014, 12:54
Località: Cagliari
Contatta:

Miele e picco glicemico

Messaggioda maripisanugreenwood » 23/10/2014, 9:46

Buongiorno "Mr D",
come ben saprai, la Sardegna è una delle regioni a più alto tasso di incidenza per quel che riguarda l'insorgere del Diabete Mellito. :-(
Potresti, per favore, darci qualche delucidazione sulle questioni relative alla DIFFERENZA tra potere calorico e, soprattutto indice glicemico, che esiste tra le varie tipologie di zucchero (bianco, canna, canna integrale) e il miele?
In anni di letture, mi risulta che il miele, rispetto allo zucchero, abbia un potere calorico inferiore: se 100 gr di zucchero (bianco raffinato) forniscono circa 400 kcal, il miele ne apporterebbe poco meno di 300, quindi circa il 25% in meno.
Ma – e questa è la cosa a cui sono maggiormente interessata – dovrebbe anche avere un potere di indice glicemico, molto ma molto più basso e questo aspetto impedirebbe il famoso “picco glicemico”, cioè la velocità con cui l'alimento si trasforma in glucosio nel sangue.

Attendo consigli e riflessioni da chi ne sa più di me :)
Grazie


Mari Pisanu Greenwood
Non abbiate paura del mio guscio di cioccolata fondente....
http://supergolosi.com
Cartoon Music&Food

dani
Chef di Partita
Messaggi: 154
Iscritto il: 29/09/2014, 15:42

Re: Miele e picco glicemico

Messaggioda dani » 24/10/2014, 15:41

ciao io so che il carico glicemico dipende dalla tipologia, infatti se non sbaglio il minore ce l'ha quello di acacia mentre le melate sono più zuccherine e infatti più dense, comunque il maestro Pozzy ci illuminerà meglio ;)



Avatar utente
Pozzy
L'uomo delle api
Messaggi: 36
Iscritto il: 08/10/2014, 18:43

Re: Miele e picco glicemico

Messaggioda Pozzy » 27/10/2014, 19:47

Buongiorno a tutti,
la questione legata al potere dolcificante ed al potere calorico del miele è abbastanza semplice. Il miele in generale ha un potere calorico inferiore allo zucchero(saccarosio) ma è pur sempre un dolcificante per cui nelle diete ipocaloriche stiamo attenti. La cosa interessante è che ha un potere dolcificante superiore al saccarosio. Questa proprietà l'hanno soprattutto i mieli ricchi di fruttosio quali acacia. In questo modo possiamo dare il gusto dolce al nostro alimento o bevanda con meno calorie.
Anche l'indice glicemico del miele è inferiore a quello dello zucchero.In particolare i mieli ricchi di fruttosio(quelli che rimangono liquidi più a lungo) hanno indici più bassi rispetto ai mieli che contengono più glucosio(quelli che cristallizzano più velocemente).Per fare un esempio l'indice glicemico dello zucchero bianco è 68, mentre quello del miele di acacia o castagno è intorno a 50-55. Onestamente non saprei dire quale siano le differenze di indice glicemico tra le tipologie di zuccheri in commercio.
Anche le melate rientrano nei mieli con basso (rispetto allo zucchero da cucina) indice glicemico.
Molto delicato è però il discorso legato all'utilizzo del miele per i diabetici. Si entra nel campo medico e ogni caso va valutato singolarmente con l'aiuto appunto di un medico.


Dario Pozzolo, apicoltore. Iscritto all'Albo Nazionale Assaggiatori Miele e Docente abilitato dall'Albo. Giudice e capo panel nei concorsi nazionali e internazionali dei mieli.
Sito web http://www.apicolturapozzolo.it
e-mail dario.pozzolo@tiscali.it

Avatar utente
maripisanugreenwood
Chef di Partita
Messaggi: 350
Iscritto il: 29/09/2014, 12:54
Località: Cagliari
Contatta:

Re: Miele e picco glicemico

Messaggioda maripisanugreenwood » 27/10/2014, 20:42

Grazie mille!

Questo è un ottimo punto di partenza :)


Mari Pisanu Greenwood
Non abbiate paura del mio guscio di cioccolata fondente....
http://supergolosi.com
Cartoon Music&Food

Avatar utente
ManuelaBanda
Chef di Partita
Messaggi: 303
Iscritto il: 08/10/2014, 19:33
Contatta:

Re: Miele e picco glicemico

Messaggioda ManuelaBanda » 27/10/2014, 21:08

:-) professionale! Grazie! Sono sempre informazioni utili :-)


bb

Avatar utente
maripisanugreenwood
Chef di Partita
Messaggi: 350
Iscritto il: 29/09/2014, 12:54
Località: Cagliari
Contatta:

Re: Miele e picco glicemico

Messaggioda maripisanugreenwood » 28/10/2014, 9:27

Assolutamente utilissime!

Io per esempio non conoscevo questa differenza "biochimica" relativa a percentuale fruttosio/glucosio tra miele fluido e miele di rapida cristallizzazione.

E contando che non mangio spesso la seconda tipologia, ora capisco perchè la mia glicemia, a volte, è addirittura sotto i livelli di guardia e ho le atricolazioni così fredde!!

Io sono più tipo da Sulla, Trifoglio, Acacia, Asfodelo, perfetti per dolcificare e, a parer mio, per nulla invasivi nel gusto.
Poi arrivano Eucaliptus, Cardo e Agrumi..... Millefiori così così..... e chiudo con il Castagno (Gnammm!)!

Ne devo assaggiare ancora tantissimi: Rosmarino, Tarassaco, Tiglio, ecc....

Grazie mille Pozzy!


Mari Pisanu Greenwood
Non abbiate paura del mio guscio di cioccolata fondente....
http://supergolosi.com
Cartoon Music&Food

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite