MELATA E MIELE

Questa è la sezione dedicata al Miele in tutte le sue forme e al meraviglioso mondo delle api, risponde ai vostri quesiti DARIO POZZOLO, uno tra i più grandi esperti di Miele del mondo. Approfittatene!

Avatar utente
adminforum
Amministratore
Messaggi: 959
Iscritto il: 28/09/2014, 14:56
Contatta:

MELATA E MIELE

Messaggioda adminforum » 18/10/2014, 11:40

Oh divino essere del forum delle api,
spieghiamo una volta per tutte la differenza tra melata e miele... sento cose che mi fanno intorcinare le budella.
Fai luce tu.
Tra l'altro oggi è il tuo compleanno e qui ti faccio gli auguri di tutto cuore!
SMT :ugeek:


Chef Sergio Maria Teutonico è il papà di questo sito che dal 2005 racconta tutto ciò che si beve e si mangia. Vive a Torino e puoi cucinare con lui nella sua Scuola di Cucina:
La Palestra del Cibo, contatti: info@lapalestradelcibo.com – 011 0266397

Avatar utente
Pozzy
L'uomo delle api
Messaggi: 36
Iscritto il: 08/10/2014, 18:43

Re: MELATA E MIELE

Messaggioda Pozzy » 18/10/2014, 17:48

Grazie chef per gli auguri!!!!
Il miele deriva dal nettare dei fiori, mentre le melate derivano da sostanze zuccherine presenti all'esterno della pianta (foglie,germogli..) e derivanti dalla linfa.
I fiori, non tutti, producono una sostanza zuccherina liquida chiamata nettare, che attira le api e permette quindi l'impollinazione. Questo liquido zuccherino viene trasportato dall'ape nell'alveare e viene scambiato con altre api. Questo "passaggio di cibo" tra api permette la deumidificazione del prodotto. Quando il nettare oramai denso raggiunge il 16-17% di umidità viene deposto nelle cellette dei telaini ed opercolato con un tappino di cera: ora si chiama MIELE.
In natura ci sono insetti con apparato boccale pungente-succhiante che si nutrono di linfa, forando parti tenere di piante.
Per assumere la giusta quantità di azoto (parte proteica) devono assumere parecchia linfa, e la parte in eccesso viene emessa, prima di essere digerita, fuori dal corpo dell'insetto. E' questa la sostanza zuccherina che le api raccolgono, portano all'interno dell'alveare, e trasformano in MELATA. Di solito le melate hanno un'umidità intorno al 14-15% .
Quindi dal nettare il miele, dalla linfa la melata.


Dario Pozzolo, apicoltore. Iscritto all'Albo Nazionale Assaggiatori Miele e Docente abilitato dall'Albo. Giudice e capo panel nei concorsi nazionali e internazionali dei mieli.
Sito web http://www.apicolturapozzolo.it
e-mail dario.pozzolo@tiscali.it

Avatar utente
ManuelaBanda
Chef di Partita
Messaggi: 303
Iscritto il: 08/10/2014, 19:33
Contatta:

Re: MELATA E MIELE

Messaggioda ManuelaBanda » 19/10/2014, 14:16

Ah ecco .. ora è tutto chiaro!


bb

Avatar utente
maripisanugreenwood
Chef di Partita
Messaggi: 350
Iscritto il: 29/09/2014, 12:54
Località: Cagliari
Contatta:

Re: MELATA E MIELE

Messaggioda maripisanugreenwood » 21/10/2014, 6:48

Che tra l'altro è una delle cose più sublimi che abbia mai avuto modo di degustare.....

Ma io non faccio testo, sono una miele-dipendente!


Mari Pisanu Greenwood
Non abbiate paura del mio guscio di cioccolata fondente....
http://supergolosi.com
Cartoon Music&Food

Avatar utente
adminforum
Amministratore
Messaggi: 959
Iscritto il: 28/09/2014, 14:56
Contatta:

Re: MELATA E MIELE

Messaggioda adminforum » 21/10/2014, 10:18

Ottimo,
talvolta perdo la voce a spiegare le cose durante le mie lezioni.... userò le tue parole come un mantra quando parlerò di miele.

Il potere edulcorante è lo stesso?

SMT O_O


Chef Sergio Maria Teutonico è il papà di questo sito che dal 2005 racconta tutto ciò che si beve e si mangia. Vive a Torino e puoi cucinare con lui nella sua Scuola di Cucina:
La Palestra del Cibo, contatti: info@lapalestradelcibo.com – 011 0266397

Avatar utente
Pozzy
L'uomo delle api
Messaggi: 36
Iscritto il: 08/10/2014, 18:43

Re: MELATA E MIELE

Messaggioda Pozzy » 21/10/2014, 11:09

Le melate normalmente hanno meno potere dolcificante. Hanno in generale un odore ed un sapore che ricorda lo zucchero cotto, caramellato.Il loro sapore in genere non modifica il gusto dell'alimento a cui sono aggiunte. Per fare un esempio la melata di abete ricorda più un cotto fresco,fumoso, soprattutto al naso.La melata di bosco ricorda le caramelle di zucchero caramellato. Quando ,durante i corsi , cerco di far memorizzare l'odore della melata d'abete, faccio ricercare "l'odore del camino spento" "l'odore del fumo freddo". Forse farà sorridere o sembrerà un'esagerazione, ma credetemi,l'identificare un odore o sapore vuole dire abbinarlo ad un odore o un sapore a noi noto. Tutti noi abbiamo, nella nostra memoria, dei cassetti all'interno dei quali sono chiusi odori, sapori, sensazioni. Di questi cassetti abbiamo perso la chiave, ma con l'aiuto di chi "lavora di più su naso e bocca", possiamo ritrovarla. E questo vale non solo per il miele ma per tutto ciò che mangiamo e beviamo. Gli esperti assaggiatori, gli chef o chi si occupa di analisi sensoriale hanno, nel tempo, con l'esperienza, riempito questi cassetti, e ne conservano preziosamente le chiavi!!!! :P :P
Ho un pò divagato, ma penso che sia anche interessante (deformazione professionale) parlare di miele sotto questo aspetto. Quindi.....scatenatevi e cercate di aprire i cassetti degli odori e dei sapori. ;) ;) ;)


Dario Pozzolo, apicoltore. Iscritto all'Albo Nazionale Assaggiatori Miele e Docente abilitato dall'Albo. Giudice e capo panel nei concorsi nazionali e internazionali dei mieli.
Sito web http://www.apicolturapozzolo.it
e-mail dario.pozzolo@tiscali.it

dani
Chef di Partita
Messaggi: 154
Iscritto il: 29/09/2014, 15:42

Re: MELATA E MIELE

Messaggioda dani » 21/10/2014, 15:26

adoro la melata di bosco... :-D



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite